Game On!

Pokémon Go ci ricorda che la realtà aumentata è una rivale agguerrita della realtà virtuale

Dean Evans Technology Writer Twitter

Ogni tecnologia ha bisogno di una “killer app”, e oggi la realtà aumentata può contare su Pokémon Go. Il gioco mobile di successo combina il mondo immaginario dei Pokémon con il mondo reale, utilizzando una tecnologia basata sulla localizzazione per consentire ai giocatori di dare la caccia agli scatenati Magikarp e Geodude che girano nei paraggi.

Guardando il mondo attraverso la fotocamera di uno smartphone, l’idea è quella di cercare questi Pokémon colorati e di catturarli in una Pokébattle (battaglia di Pokémon) dal vivo. E soprattutto, invece che starsene seduti in un luogo chiuso a fissare uno schermo o indossare un visore per la realtà virtuale, Pokémon Go incoraggia i giocatori a uscire all’esterno per esplorare. Più esplorate, più scoprirete.

L’aspetto interessante è che Pokémon Go non è un gran gioco. Le dinamiche sono semplici (catturare i Pokémon) e le battaglie possono essere ripetitive. Detto questo, si sta dimostrando un’esperienza social avvincente, in grado di catturare l’immaginazione di grandi e piccini. Come sottolinea Bob O’Donnell su recode.net:

“Questo gioco è incredibile, il suo successo improvviso significa che praticamente nessuno dovrà più spiegare che cos’è la realtà aumentata”.

Ci ricorda inoltre che l’intrattenimento con la realtà aumentata è un rivale agguerrito della realtà virtuale. Con tutta l’attenzione focalizzata sui PC predisposti per la realtà virtuale, Oculus Rift, HTC Vive e PlayStation VR, è facile perdere di vista il potenziale della realtà aumentata, nelle giuste mani. Lo sviluppatore di Pokémon Go, Niantic, non è nuovo a tutto ciò, avendo sviluppato in precedenza il gioco mobile MMO Ingress.

La realtà aumentata è anche molto più accessibile della realtà virtuale, ed è immediatamente disponibile a chiunque possiede uno smartphone. Ma la realtà aumentata sui nostri telefoni è solo l’inizio. Con ogni probabilità, il futuro di questa tecnologia di realtà mista è affidato ai visori come HoloLens e agli occhiali intelligenti come quelli in arrivo da Magic Leap e quelli già in vendita di Vuzix.

Sebbene sia stato progettato per un utilizzo aziendale, Vuzix M300 è un indossabile con vivavoce e sensore di tracciamento della testa che può essere abbinato a un dispositivo Android o iOS. Piuttosto che dover abbassare gli occhi per guardare lo schermo di uno smartphone, i dati della realtà aumentata vengono proiettati su un piccolo display nHD davanti agli occhi dell’utente. Secondo Vuzix, equivale a guardare uno schermo da 5 pollici tenuto a una distanza di 35 centimetri.

Vuzix-M300-Product-Image-01-1024x635
Verosimilmente, il futuro della realtà aumentata è nella tecnologia indossabile, come questi occhiali intelligenti Vuzix M300.

I sistemi di realtà aumentata come questo sono progettati per essere flessibili. Microsoft HoloLens è stato usato per videogame come Minecraft, mentre Vuzix ha recentemente annunciato una partnership con l’International Drone Racing Association per il suo visore iWear. Se i Google Glass fossero ancora in circolazione, Pokémon Go sarebbe stato perfetto.

Pokémon Go è probabilmente l’equivalente di Wii Sports per la realtà aumentata: un’esperienza attiva, facile da provare e accessibile che può piacere a chi gioca abitualmente o meno. Riporta la tecnologia a un ruolo da protagonista nella coscienza collettiva, sotto ogni aspetto. Nessuno sa quanto a lungo potrà durare la follia dei Pokémon ma a un certo punto i giocatori arriveranno a porsi la stessa domanda…

“E ora, cos’altro può fare la realtà aumentata?”

M100_trail_nav_screen_sample-1024x574
Gli occhiali per la realtà aumentata possono essere usati per mettere in sovrimpressione i dati principali di navigazione per qualsiasi area.

Nell’ambiente aziendale, la realtà aumentata sta già dando il suo contributo in aree come l’ingegneria, la logistica e la telemedicina. Per i consumatori sono disponibili app che visualizzano in sovrimpressione tutti i tipi di dati utili su ciò che si sta guardando, come istruzioni, dati meteo o informazioni su negozi, servizi e luoghi d’interesse intorno a voi. La realtà aumentata può anche cambiare il modo in cui guardiamo la televisione.

Quindi, se è facile avere un atteggiamento di superiorità nei confronti di un gioco in cui si dà la caccia a teneri Caterpie e Psyduck inafferrabili, Pokémon Go avvicina le persone a un mondo di realtà mista di cui non conoscevano l’esistenza e a nuovi modi di interagire con i dati digitali. Come sistema per insegnare alle persone il potenziale della realtà aumentata, potrebbe trattarsi di un momento di svolta.

Condividi questo articolo

Argomenti correlati

Gaming

Leggi il successivo

Read Full Story