Salute

L’ufficio del futuro è più intelligente e produttivo

Dean Evans Technology Writer Twitter

Sul futuro dell’ufficio è già stato scritto molto. Secondo alcuni la condivisione di uffici e scrivanie è la soluzione ottimale, mentre altri preferirebbero usare hub di co-working locali e sistemi di videoconferenza con realtà virtuale. Ma potremmo anche non lavorare più negli uffici.

Ovunque lavoriate, ovunque lavorerete in futuro, la tecnologia può aiutarvi a rendere questo luogo più sano e produttivo.

I benefici per la salute che derivano dal lavorare alla scrivania in piedi anziché seduti sono ben noti. Stare seduti per lungo tempo non consente ai muscoli di bruciare i grassi, influisce negativamente sulla postura (potete monitorarlo con un sensore Lumo Lift) e rallenta il flusso sanguigno, rallentando anche le funzioni cerebrali.

Anche se il vostro sguardo potrebbe essere attratto da Altwork Station, una sedia da 5.900 dollari che sfida la gravità, una soluzione più semplice (ed economica) come ReadyDesk potrebbe aiutarvi a trasformare uno spazio predisposto per stare seduti in una postazione dove stare in piedi comodamente.

Se proprio dovete stare seduti, cercate di non stare immobili. Anche se avete l’ultimo modello di sedia ergonomica, usate un’app o un timer che vi ricordi di alzarvi, prendervi una pausa, distendere le gambe e riposare gli occhi. Considerate la possibilità di passare dallo stare seduti su una sedia da ufficio a stare in piedi per un’ora, oppure passare a una sedia di diverso genere, come una poltrona sacco o una sedia a palla

Inoltre, il comfort può dipendere da fattori meno ovvi come la temperatura e l’illuminazione dell’ufficio. Uno studio svolto negli Stati Uniti ha dimostrato che chi lavora in edifici con certificazione green “hanno ottenuto un punteggio del 26,4% più elevato con test delle funzioni cognitive… e hanno riscontrato il 30% in meno di sintomi correlati alla sindrome da edificio malato rispetto a quelli che lavorano in edifici non certificati”.

Molto probabilmente lavorate in un edificio non certificato e se non potete cambiarlo (o cambiare il vostro spazio ufficio), potete comunque recepire alcuni elementi chiave della qualità degli ambienti interni che contribuiscono a una forza lavoro soddisfatta, come la temperatura, la qualità dell’aria, l’arredamento e l’illuminazione.

Una scrivania in disordine può influire negativamente su produttività e benessere. (Copyright dell’immagine: Shutterstock/thodonal88)

Un dispositivo come la Stazione meteo Netatmo (modulo da interni), ad esempio, può monitorare i livelli di rumore, temperatura e qualità dell’aria (CO2), consentendovi di analizzare lo spazio lavorativo nei dettagli. Ed è dimostrato che collocare una pianta sulla scrivania migliora produttività e attenzione.

Comfort e praticità vanno di pari passo e bisognerebbe raggiungere un equilibrio tra avere una scrivania in ordine e avere sottomano ciò che serve.

  • Chi ha bisogno di una stampante? Con Google Drive e Google Docs è possibile lavorare in un ufficio senza usare la carta. Tenendo i vostri documenti importanti online, potete accedervi indipendentemente dal luogo in cui vi trovate o dal dispositivo che state usando.
  • Con una caffettiera Aeropress e una tazza Ember potete fare un ottimo caffè e mantenerlo caldo più a lungo (per il tè, provate l’infusore Teforia, basato su Intel Edison). Tutto ciò che vi serve è un bollitore.
  • Con la Smartpen Livescribe 3 è possibile digitalizzare le note alle riunioni nel momento stesso in cui le scrivete. Non c’è più bisogno di perdere tempo a trascrivere.
  • Con Amazon Echo, potete selezionare i brani musicali per l’ufficio tramite Spotify, Amazon Music e TuneIn tramite comandi vocali.
  • E con un moderno PC 2 in 1, come Lenovo Yoga 910 o HP ENVY x360, siete pronti a lavorare da seduti, in piedi e ovunque vogliate. Lavorate nella modalità tradizionale di un notebook clamshell alla scrivania, poi staccate lo schermo per trasformarlo in un PC tablet mobile.

Per molti di noi l’ufficio tradizionale potrebbe non esistere più tra cinque anni. La tecnologia ci consente già di lavorare ovunque. Tutto ciò che serve davvero è un nuovo PC 2 in 1, connettività wireless e delle cuffie con cancellazione del rumore. Porterò con me anche la tazza Ember. Il mio tè si è raffreddato, di nuovo.

Copyright dell’immagine principale: Shutterstock/i3d

Condividi questo articolo

Argomenti correlati

Salute

Leggi il successivo