Istruzione digitale precoce: imparare a programmare alle elementari

by Nicolas Meudt
Autor
, Hemd & Hoodie

Ecco una notizia che vi sorprenderà: in Svezia la programmazione sarà inclusa nel programma del prossimo anno scolastico, anche per i bambini di prima.

Alcune persone credono che la programmazione sia una scienza misteriosa riservata a tecnici competenti, e sono liete di non doversene occupare. Per altri, invece, è una competenza fondamentale del mondo digitale che dovrebbe essere insegnata ai bambini fin dalla scuola materna. Ad esempio, secondo l’imprenditore Frank Thelen, noto ai tedeschi come giudice dello show televisivo “Die Höhle der Löwen” (La grotta dei leoni), la programmazione è diventata la “lingua straniera” più importante da imparare. “I bambini che non sanno programmare ora saranno gli analfabeti del futuro”, afferma Thelen.

Infatti, in alcuni paesi come l’Estonia, la Finlandia e il Regno Unito, lo sviluppo delle competenze digitali fa parte del curriculum dei bambini, dalle scuole elementari in poi. Il questi paesi, la materia “Computing” ha il ruolo specifico di preparare la nuova generazione del futuro. In Svezia il governo ha ora proposto un nuovo piano di studi che comprende la programmazione, una materia d’insegnamento per i bambini del futuro.

Senza la programmazione non c’è futuro

Il sistema scolastico svedese ha un’eccellente reputazione in tutto il mondo. È gratuito, ed è considerato inclusivo e innovativo. In Svezia, da tempo gli scienziati studiano la possibilità di usare i media digitali per supportare l’apprendimento con il gioco. Non è una coincidenza che il popolare gioco Minecraft, in cui i giovani giocatori creano un mondo 3D a partire da moduli a forma di cubo, sia originario della Svezia.

Con le sue immagini squadrate e pixelate, spesso Minecraft viene descritto come una specie di Lego digitale.

Ciononostante, il Ministro dell’Istruzione svedese, Gustav Fridolin, ha dichiarato sulla piattaforma online ComputerSweden che “Abbiamo bisogno di un numero maggiore di programmatori. Programmare è una competenza che verrà sempre più richiesta negli ambienti di lavoro del futuro e ha un impatto sempre più importante sulla nostra vita”. Inizialmente si prevede di introdurre la programmazione come parte integrante delle lezioni di matematica e tecnologia. In questo modo, i bambini possono imparare a risolvere l’algebra utilizzando la programmazione, ad esempio.

Alcuni progetti pilota vengono svolti anche in Germania

Un’istruzione orientata alla tecnologia, inoltre, non prepara i bambini solo al lavoro, ma li arricchisce di competenze utili anche nella vita quotidiana. Ad esempio, nel programma sono previste lezioni che insegnano ai bambini a distinguere tra le fonti affidabili e non affidabili in Internet. Questi strumenti consentono agli allievi di riconoscere meglio le notizie false e di imparare come prendere decisioni migliori e ponderate. Occorrerà un po’ di tempo prima che questo programma venga implementato in Germania, anche se sono già in corso i primi progetti pilota.

Sempre in Germania, altri progetti pilota analoghi prevedono l’insegnamento delle basi di programmazione ai bambini.

In Renania-Palatinato, il pionieristico programma statale “Medienkompetenz macht Schule” (L’alfabetizzazione mediatica fa scuola) mira a introdurre l’integrazione della tecnologia nelle lezioni scolastiche. Il programma nazionale “Code your Life” offre ai bambini di età compresa tra 10 e 14 anni un modo divertente di imparare a programmare a scuola. “Naturalmente non tutti i partecipanti devono diventare programmatori”, afferma Jutta Schneider, che ha contribuito a impostare il progetto. Tuttavia, è importante che i bambini sappiano programmare algoritmi per acquisire la conoscenza di base della programmazione.

Condividi questo articolo

Read Full Story