Istruzione

Google per le ricerche di lavoro: reclutamento intelligente 2.0

Da oggi gli americani alla ricerca di un impiego possono utilizzare una nuova categoria di ricerca di Google che propone offerte di lavoro personalizzate.

Con un valore pari a circa il quattro per cento, il tasso di disoccupazione in Germania è il più basso di sempre. Tuttavia, trovare il lavoro giusto è ancora una sfida per le molte persone alla ricerca di un impiego. Anche da una prospettiva aziendale, molti annunci di lavoro rimangono senza risposta poiché non riescono a raggiungere potenziali candidati. Tutto ciò accade perché anche i metamotori di ricerca hanno avuto finora un approccio disorganico agli annunci che ospitano. Tuttavia, il gigante di Internet Google ha ora sviluppato speciali funzionalità di ricerca che impiegano l’intelligenza artificiale (AI) per avvicinare maggiormente aziende e candidati.

Un nuovo widget di Google è ora disponibile insieme a categorie di ricerca familiari come “Immagini” e “Notizie” e consente agli americani di inserire semplici chiavi di ricerca come “lavori vicino a me” o “lavori retail” in modo che possano visualizzare solo gli annunci più appropriati. Una piattaforma che rende possibile tutto questo è il servizio Cloud Jobs di Google, in cui le aziende possono posizionare gli annunci di lavoro in modo da ricevere le domande di assunzione più adatte. Google setaccia accuratamente i portali di offerte di lavoro.

Google: professionisti della ricerca

“Google for Jobs” segna il ritorno alle competenze fondamentali di azienda tecnologica. “Vogliamo fare quello che ci riesce meglio: la ricerca”, conferma il Project Manager Nick Zakrasek. Il motore di ricerca dapprima individua le offerte pubblicate da un datore di lavoro su diversi portali dedicati e si accerta che vengano elencate solo una volta. Quindi cerca gli annunci e li suddivide per categoria utilizzando algoritmi intelligenti costantemente ottimizzati attraverso l’apprendimento automatico.

Google amplia le sue competenze di ricerca nel mercato del lavoro.
Google amplia le sue competenze di ricerca nel mercato del lavoro.

La nuova e innovativa funzionalità di ricerca di lavoro di Google potenziata da intelligenza artificiale rende l’elenco degli annunci anche più facile da leggere: traduce automaticamente il gergo aziendale e di settore nel linguaggio di tutti i giorni, offrendo sinonimi esplicativi e decodificando gli acronimi. Ad esempio, “BD” diventa immediatamente “Business Development”. Tutto ciò evita qualsiasi equivoco sui titoli degli lavori o degli annunci che non rispondono ai requisiti dei candidati genericamente adatti al ruolo.

Il motore di ricerca traduce automaticamente i termini specialistici e il gergo di settore.
Il motore di ricerca traduce automaticamente i termini specialistici e il gergo di settore. Gif: YouTube – sviluppatori Google

C’è un intero gruppo di altre funzionalità pratiche, come l’opzione di filtrare i risultati di ricerca tramite parametri come “Settore”, “Località” o “Part time”. Gli utenti inoltre ricevono avvisi istantanei sulle nuove offerte di lavoro che rispondono ai loro criteri e che potrebbero essere di loro interesse. Cliccando sull’offerta di lavoro si apre un link diretto al sito Web che contiene la maggior parte delle informazioni sulla posizione.

Un passo avanti rivoluzionario nel mercato del lavoro

Google non include altre ricerche che non hanno nulla a che fare con la ricerca di lavoro dell’utente. E tutto questo è significativo, dal momento che l’azienda realizza la maggior parte dei suoi introiti tramite annunci personalizzati proposti agli utenti sulla base delle ricerche precedenti. Come sottolinea Zarasek, il fatto che vi piaccia andare a pescare non significa che state cercando un lavoro su un peschereccio.

Gli utenti ricevono avvisi istantanei su nuove potenziali offerte di lavoro.
Gli utenti ricevono avvisi istantanei su nuove potenziali offerte di lavoro. Gif: YouTube – sviluppatori Google

E, soprattutto, il nuovo servizio di Google intende collaborare con i portali per la ricerca di lavoro già affermati, piuttosto che entrare in competizione con essi. Questo approccio è stato bene accolto da CareerBuilder, il cui Product Developer Scott Helmes ritiene che si tratti un’opportunità entusiasmante sia per la sua azienda che per Google di mettere a disposizione le loro competenze. Conal Thompson, Chief Technology Officer di Monster, considera “Google for Jobs” un cambiamento rivoluzionario che favorirà la concorrenza: “Ci saranno sfide e adeguamenti ai siti di annunci di lavoro; i più significativi saranno forse quelli attualmente basati sulla SEO”.

Foto di apertura: YouTube – sviluppatori Google

Condividi questo articolo

Argomenti correlati

Istruzione

Leggi il successivo

Read Full Story