Game On!

I giochi open world proveranno a mandare in tilt il vostro PC

Dean Evans Technology Writer Twitter

Nonostante la potenza aggressiva delle schede grafiche più recenti, un processore veloce è tuttora il componente fondamentale per qualsiasi PC attuale per il gaming. Perché? Perché con la crescente diffusione di giochi open world come The Witcher 3, Fallout 4 e Mirror’s Edge: Catalyst, i titoli stanno diventando più complessi e impegnativi a livello di CPU.

Mentre una GPU esegue il rendering di ciò che visualizzate sullo schermo, la CPU dirige ogni cosa, prendendosi cura di importantissimi calcoli dietro le quinte come la logica di gioco e l’intelligenza artificiale (AI). Se uno sparatutto in prima persona come Star Wars: Battlefront vi può sorprendere con videografiche ad alta risoluzione, sotto le texture fotogrammetriche e la luce volumetrica del motore Frostbite, le dinamiche di gioco sono piuttosto semplici. Solo l’aspetto multiplayer può pesare sulla CPU.

Al contrario, una simulazione o un gioco open world ha bisogno di eseguire un flusso infinito di calcoli. In GTA V, ad esempio, la brillante città di Los Santos non darebbe una sensazione di vivacità senza le persone che camminano, le auto che percorrono le strade o gli aerei che sfrecciano in cielo. Ciò significa migliaia di oggetti da tracciare, interazioni da calcolare e risultati da elaborare.

Forza Horizon 3 abbina corse ad alta velocità ed elementi open world.
Forza Horizon 3 abbina corse ad alta velocità ed elementi open world.

Potenza di elaborazione estrema

Spesso la CPU viene messa sotto pressione anche per una fisica di gioco di base. Non tutti hanno lo stesso hardware grafico, per cui il processore può essere impegnato nell’elaborazione del percorso di una supercar che sfreccia a tutta velocità o dei postumi di un’esplosione. La distruzione caotica di Just Cause 3 può avere come requisito minimo un processore Intel Core i5-2500K, ma rende senz’altro molto meglio se eseguita su un processore Core i7 di sesta generazione, molto più veloce.

Anche se potreste non aver bisogno di un processore così veloce come l’Intel Core i7 Extreme Edition, una CPU veloce può sfruttare al meglio la maggior parte dell’hardware grafico di alto livello oggi disponibile sul mercato. I videogame di oggi non si limitano a rincorrere il fotorealismo, i frame rate a 60 fps e il 4K, ma stanno diventando sempre più ambiziosi ogni anno che passa. Abbiamo già visto Fallout 4, The Witcher 3 e The Division. Ma ci sono giochi open world ancora più imponenti in arrivo…

No Man's Sky è un simulatore spaziale che vi consente di volare ovunque vogliate.
No Man’s Sky è un simulatore spaziale che vi consente di volare ovunque vogliate.

Simulare un intero universo

Parte Elite: Dangerous e parte FTL, con alcuni elementi che riprendono The Long Dark, No Man’s Sky è davvero imponente, con i suoi diciotto quintilioni di pianeti.

In moltissimi giochi, legioni di artisti creano con la massima precisione contenuti fatti a mano, realizzando uno per uno livelli e paesaggi. L’universo di gaming di No Man’s Sky è forgiato da algoritmi ed equazioni matematiche, e funziona secondo le regole simulate della fisica e della chimica. In virtù di tutto questo, è un gioco molto impegnativo a livello di CPU. Più veloce è il processore, meglio è.

Deus Ex: Mankind Divided è un videogame pieno di statistiche con dinamiche da gioco di ruolo e sparatutto in prima persona.
Deus Ex: Mankind Divided è un videogame pieno di statistiche con dinamiche da gioco di ruolo e sparatutto in prima persona.

Giocare con gli open world

Deus Ex: Mankind Divided è ambientato in una Praga dall’atmosfera dark e futuristica, ed è in parte uno sparatutto in prima persona cyberpunk, in parte un gioco di ruolo con componenti stealth/hacking. Un’ottima CPU può sfruttare al meglio la sua palette di colori alla Blade Runner e le sequenze di realtà aumentata. Ma un’ottima CPU è richiesta anche per l’intelligenza artificiale superiore di questo gioco, che presenta una trama complessa e straordinari dettagli metropolitani.

Forza Horizon 3 non potrebbe essere più diverso. Ambientato in Australia, è un gioco luminoso e colorato, che abbina la libertà dell’open world con le corse multiplayer ad alta velocità. Ci sono enormi quantitativi di dati da gestire per qualsiasi CPU, per non parlare della simulazione di oltre 150 auto, tra cui un’Aston Martin DB5 del 1964 e un’Audi R8 V10 plus del 2016.

Più a lungo giocate con Civilization VI, più aumenta la quantità di dati che la CPU deve elaborare.
Più a lungo giocate con Civilization VI, più aumenta la quantità di dati che la CPU deve elaborare.

È necessaria una notevole potenza di elaborazione

Un gioco come Civilization VI non richiede la scheda grafica più potente del mondo. Tuttavia, un processore veloce dovrebbe ridurre il tempo necessario al gioco per calcolare gli effetti della realizzazione dell’impero basata sui turni, che si svolge su mappe a grande scala e prevede lo scontro con i nemici guidati dall’intelligenza artificiale. In Civilization V, spesso il gioco faticava a elaborare la grande mole di informazioni quando le sessioni si estendevano oltre i 300 turni.

Gli ultimi due giochi open world di cui ci occupiamo hanno molti più elementi in comune con GTA V rispetto a quelli con strategia top-down, e come GTA presentavano gli stessi problemi di scala.

Mafia III, ambientato a New Bordeaux (città che si ispira a New Orleans) nel 1968, vi assegna il compito di sgominare una banda criminale. Le sue missioni supportano diversi approcci e il design sperimentale mantiene imprevedibile il gameplay. In questo gioco l’immersione nella storia è fondamentale, ma non si tratta soltanto di texture ad alta risoluzione e riflessi accattivanti, è proprio come essere all’interno di un mondo vivo, credibile e coerente.

Mafia III è ambientato in una città immaginaria degli anni Sessanta con un look molto realistico.
Mafia III è ambientato in una città immaginaria degli anni Sessanta con un look molto realistico.

Dettagli dietro le quinte

Watch Dogs 2 è un altro gioco open world molto ambizioso, che richiede una potente combinazione tecnologia GPU e CPU. Se E3 2016 Gameplay Walkthrough è un’indicazione, il processore del PC dovrà tener traccia di auto, tram, biciclette e barche guidate dall’intelligenza artificiale, per non parlare del numero infinito di abitanti di San Francisco con cui dovete interagire. Infine, più caos generate in questo mondo assolato, più sarà difficile per il processore riuscire a gestire tutto.

Se altri giochi di spicco del 2016 come Gears of War 4, Call of Duty: Infinite Warfare e Battlefield One esigono le migliori schede grafiche disponibili sul mercato, i giochi open world richiedono impegno mentale e forza fisica. Ecco perché un processore veloce dovrebbe tuttora essere il componente fondamentale di qualsiasi moderna piattaforma di gioco o PC predisposto per la realtà virtuale.

Scoprite altre risorse Intel sul gaming qui

Condividi questo articolo

Argomenti correlati

Gaming

Leggi il successivo

Read Full Story