Game On!

10 donne programmatrici che hanno rivoluzionato il mondo del gaming

Se avete sempre pensato che i creatori della maggior parte dei videogame per computer fossero uomini, sarete sorpresi di sapere che molti dei giochi a cui avete giocato fino all’alba sono stati sviluppati da programmatrici. Quindi, chi sono queste donne? Ecco solo dieci delle principali programmatrici di videogame per computer.

1.Robin Hunicke
Robin Hunicke è conosciuta per il suo lavoro sul gioco MySims, una versione di The Sims rilasciata per la Wii nel 2007. È docente di progettazione di videogiochi all’Università della California a Santa Cruz e co-fondatrice di Funomena. Hunicke è conosciuta nel settore per il suo impegno per lo sviluppo di giochi indipendente, la sperimentazione nella progettazione, la ricerca nella regolazione dinamica del livello di difficoltà e il sostegno delle donne nel settore dei videogame.

21-buddysalutes

2.Carol Shaw
Nel 1978, Carol Shaw ha creato una versione 3D di un gioco classico, a cui tutti hanno giocato a scuola: Tic-Tac-Toe. Essendo una delle prime donne a progettare giochi per computer, Shaw è ritenuta una visionaria, ed è conosciuta per la progettazione di giochi come Video Checkers (1980) e River Raid (1982).

L92JRW

3.Kim Swift
Conoscete quei giochi in cui usate dispositivi per aprire portali e teletrasportarvi da un luogo all’altro? Kim Swift ha progettato il gioco Portal originale nel 2007. In effetti, Swift è sempre stata una programmatrice: nel 2005 ha progettato un gioco chiamato Narbacular Drop. Questo gioco ha attirato l’attenzione di Valve, i creatori di Half Life, che hanno assunto Swift per lavorare al primo gioco Portal. Swift è stata nominata da Fortune una delle 30 figure influenti sotto i 30 anni nel settore dei videogiochi.

portal01

4.Jane Jensen
Vi piacciono i giochi ricchi di emozioni e di mistero? Se è così, avrete sentito parlare di Gray Matter. Gray Matter, un gioco che si spinge ai limiti della suspense psicologica, è stato progettato da un’altra programmatrice, Jane Jensen. Jensen ha iniziato la sua carriera come scrittrice per Sierra On-Line e in seguito ha trovato la sua dimensione lavorativa progettando King’s Quest VI insieme a Roberta Williams. Nel 1993, Jensen ha progettato Gabriel Knight: Sins of the Fathers e nel 2010 ha portato la magia nel mondo del gaming per computer con Gray Matter.

mZnyPA

5.Amy Hennig
Ricordate la grafica strabiliante di Uncharted: rake’s Fortune quando la PS3 è stata lanciata per la prima volta? Così eccezionale che avete guardato i fili d’erba e pensato: “Wow, sembrano perfetti per una partita di calcio!”. Che gioco! Uno dei leader del team di progettisti che ha lo sviluppato è stata Amy Hennig. L’esperienza di Hennig risale ai tempi di Atari 7800 e il suo primo gioco è stato Michael Jordan: Chaos in the Windy City (1994). Successivamente, ha lavorato alla serie Legacy of Kain e a Jak 3. Dopodiché, il suo coinvolgimento in Uncharted: Drake’s Fortune (2007) e Uncharted 2: Among Thieves (2009) le ha fatto guadagnare un posto nel cuore di ogni giocatore.

giphy-1

6.Dona Bailey
E, naturalmente, le donne sono state coinvolte anche nella creazione degli antenati dei moderni videogame per computer, i giochi arcade Atari funzionanti a moneta. Le generazioni precedenti dei giocatori avrebbero fatto la fila per giocare a Centipede, progettato da Dona Bailey nel 1980. Bailey insegnava nel dipartimento di retorica e scrittura dell’Università dell’Arkansas, e ha ispirato molti giochi che vediamo oggi.

31pwP4

7.Christy Marx
Christy Marx è una scrittrice nel vero senso della parola: ha scritto libri, sceneggiature, testi televisivi, graphic novel e giochi per computer. Una mente creativa conosciuta in molti ambiti, Marx ha iniziato a lavorare con Sierra On-Line nel 1989 su Conquests of Camelot: The Search for the Grail, e nel 1991 ha scritto, progettato e diretto Conquests of the Longbow: The Legend of Robin Hood. Più recentemente, ha lavorato come consulente creativa su giochi come URU: Ages Beyond Myst e The Matrix Online.

xkB1xz

8.Brenda Romero
Con un nome come Playboy: The Mansion, si potrebbe pensare che ci siano degli uomini dietro la creazione di questo gioco. Sbagliato! Brenda Romero (ex Brathwaite) è stata la progettista principale di questo gioco. Romero ha sviluppato la serie di giochi di ruolo sulla magia negli anni ‘80 e nel 2005 si è dedicata alla creazione di Playboy: The Mansion, un gioco di simulazione simile a The Sims. In seguito è diventata progettista di giochi con un ruolo direttivo.

Wizardry_1_Proving_Grounds_Of_The_Mad_Overlord_1981_Sir_Tech_screenshot

9.Sheri Graner Ray
Sheri Graner Ray è stata una delle creatrici della serie Ultima, un fenomeno per i suoi tempi, e ha svolto un ruolo particolarmente importante nello sviluppo di Ultima VII. In seguito ha iniziato a lavorare a Her Interactive, uno sviluppatore di giochi i cui prodotti sono destinati specificatamente alle giovani donne. Ray ha lavorato anche a Star Wars Galaxies, ed è attualmente Studio Design Director presso Schell Games.

giphy

10.Roberta Williams
E infine arriviamo a Roberta Williams, fondatrice di uno dei titoli meglio conosciuti nel mondo dei giochi per computer: Sierra On-Line. Lei e suo marito Ken hanno fondato la loro azienda nel 1979, e nel 1980 hanno rilasciato il primo gioco, Mystery House. Roberta Williams è conosciuta per aver creato la serie King’s Quest, uno dei primi giochi d’avventura, oltre a Mixed-Up Mother Goose. È una delle prime persone che vengono in mente quando qualcuno dice “programmatrice”.

zpEXwO

Abbiamo voluto presentarvi alcune delle programmatrici che hanno riscosso più successo nel mondo del gaming, ma le donne hanno contribuito molto di più alla tecnologia, senza limitarsi ai settori dei giochi. Per saperne di più su altre donne che hanno svolto un ruolo pionieristico nei mondi della tecnologia e della scienza, date un’occhiata alla nostra serie “Le madri delle invenzioni”.

Condividi questo articolo

Argomenti correlati

Gaming Innovazione tecnologica Intrattenimento Scienza

Leggi il successivo

Read Full Story