All’avanguardia dell’innovazione

World Future Sports Games: dalle gare di droni con pilota a bordo al nuoto robotico

Incoraggiata dal successo del World Drone Prix (vinto dal quindicenne britannico Luke Bannister), Dubai ha annunciato l’intenzione di ospitare i World Future Sports Games nel 2017.

E che cosa sono i World Future Sports Games, vi chiederete? Secondo la neonata World Federation of Future Sports, la gara sarà “la prima iniziativa del suo genere al mondo con gare di sport basati sull’innovazione e la tecnologia futuristica.”

I giochi si terranno nell’arco di tre giorni, una volta ogni due anni, e saranno aperti a singoli individui, aziende, istituzioni accademiche e centri di ricerca di tutto il mondo

Considerateli una sorta di olimpiadi della tecnologia, un raduno globale con nove diverse gare di ingegneria. Di questi giochi faranno parte: corse di auto a guida autonoma, calcio robotico, gare di corsa robotica, gare di droni con pilota a bordo, nuoto robotico, ping-pong robotico, wrestling robotico, gare di droni e una gara di cybathlon.

La corsa di auto a guida autonoma è facilmente intuibile e la Formula E ha annunciato una serie di gare globali per auto elettriche a guida autonoma denominata ROBORACE. Altrove, il calcio robotico è già consolidato: la RoboCup (Robot Soccer World Cup) si tiene ogni anno fin dal 1997.

Il calcio robotico è un prezioso esercizio di tecnologia. La categoria “umanoide”, ad esempio, non solo mette alla prova la capacità di un robot di camminare, correre e tirare calci a un pallone mantenendosi in equilibrio, ma sfida la percezione visiva, la cooperazione e lo schieramento autonomo.

La corsa robotica richiede equilibrio, percezione e velocità pura (un aspetto che i robot di Boston Dynamics sembrano già padroneggiare). Nemmeno le gare di droni con pilota a bordo sono poi tanto inverosimili. Qui su IQ abbiamo già parlato della straordinaria Ehang 184 MA Hoverbike, in stile Guerre stellari-style e dell’impressionante Tricottero guidato dall’uomo Flike. Immaginate queste macchine che sfrecciano su un circuito di gara.

Anche i robot sanno già nuotare. Abbiamo visto robot che nuotano da soli ispirati da pesci e tartarughe marine, mentre il Pleurobot è progettato per muoversi e nuotare come una salamandra. Supponendo che le eliche saranno bandite ai World Future Sports Games, le gare saranno senz’altro vinte dagli arti palmati, dalle zampe o dalle pinne meccaniche più efficaci.

Quanto ai robot che giocano a ping-pong, basta guardare il video qui sotto:

E queste sono sei categorie sportive del futuro, ne mancano tre. Non ci soffermeremo sulle gare di droni, il World Drone Prix e la Drone Racing League dimostrano che organizzarle non è poi un grande sforzo, e in questo articolo abbiamo già raccontato dall’interno la gara e i partecipanti.

Ma il wrestling robotico? MIT Technology Review sintetizza la sfida in questi termini: “due agenti meccanici accoppiati tramite azioni meccaniche come contatto e collisione. Lo scopo della gara è che un agente metta al tappeto l’altro senza perdere l’equilibrio. Il resto è solo show business.”

Anche in questo caso, c’è già un precedente per questo robo-sport. Anzi, in Giappone gli hobbisti di recente hanno tenuto il 28° torneo di wrestling Robo-One che ha attirato 20 robot in gara tra loro. Potete avere un assaggio dell’evento guardando la stravagante battaglia tra Gargoyle KID e Kikyo qui sotto:

Non ci resta che la categoria “cybathlon”. Benché la World Federation of Future Sports non approfondisca che cosa comporti questa categoria, forse possiamo prendere spunto da Cybathlon 2016, un evento bionico in Svizzera in cui “tecnologie robotiche assistive all’avanguardia aiuteranno le persone disabili a competere in una serie di gare.”

Le gare del Cybathlon 2016, che si terrà a ottobre, includeranno gare di esoscheletro potenziato, gambe artificiali potenziate e sedie a rotelle potenziate, oltre a eventi di videogame per PC controllati dal cervello. Se i World Future Sports Games riusciranno a prendere il meglio di tutti questi eventi (e ad aggiungerne qualcuno in più), potrebbe trattarsi di uno spettacolo tecnologico davvero notevole.

Condividi questo articolo

Argomenti correlati

Innovazione tecnologica Sport

Leggi il successivo