Gaming

Sviluppare videogiochi e diventare un indie game developer

Allora vi piacerebbe iniziare a sviluppare videogiochi indipendenti? Ottimo, perché è un’attività bellissima, interessante ed appassionante! Dovete però sapere che lo sviluppo dei videogiochi è anche una delle professioni più complesse al mondo. La maggior parte dei neofiti crede che per fare videogiochi basti soltanto conoscere l’engine di turno, ma non c’è niente di più falso. Se volete sviluppare videogiochi indipendenti di successo dovrete avere una conoscenza approfondita di moltissimi settori, come ad esempio il marketing, nozioni di project management, game design e molto altro.

 

Primo step: Decidete il vostro settore di partenza

Come è ovvio, il primo aspetto da considerare per iniziare a sviluppare videogiochi indipendenti riguarda la tecnologia. Dovrete scegliere innanzitutto a quale Game Engine affidarvi: i principali sono Unity e Unreal, ambedue molto validi; il primo è molto affermato soprattutto nello sviluppo mobile e vanta una forte espandibilità grazie all’asset store che offre numerosi plug in esterni; Unreal è utilizzato molto per grandi produzioni e dalla sua ha il vantaggio di poter utilizzare un linguaggio di programmazione visuale (visual scripting) per programmare le azioni all’interno dell’engine. In ogni caso prima di scegliere un engine vi consiglio di spendere un po di tempo a studiare tutti i pro e i contro e valutare quello che possiede gli strumenti più adeguati per il progetto che volete portare avanti.

Altrettanto ovvio è che dovete conoscere un linguaggio di programmazione tra C#, C++, Swift, C, o altri: per iniziare ad affrontare lo studio di un linguaggio, sia Unity che Unreal all’interno del proprio sito hanno una sezione di learning che permette agli sviluppatori di apprendere gratuitamente le basi del linguaggio. Certo, programmare è un’attività che comprende tante conoscenze, ma per poter programmare un videogioco saranno sicuramente necessari almeno questi elementi:

  1. Stesura di Algoritmi, ovvero conoscere la sequenza di passi finita che porta alla soluzione di un determinato problema
  2. Strutture dati
  3. Design pattern, cioè template che permettono di sviluppare con maggior efficienza
  4. OOP (Object oriented programming), tecniche di programmazione avanzata
  5. Multithreading, ovvero la programmazione che sfrutta più core della CPU per garantire migliori performace
  6. Network communications
  7. Macchine a stati

 

indie-game-developer

 

Per quanto questo possa sembrare spaventoso per alcuni, la verità è che è anche importante conoscere un po’ di fisica: la maggior parte si trova già pronta da usare all’interno dei vari game engine, ma rimane una parte fondamentale per lo sviluppo di videogiochi, ed è quindi bene conoscerne almeno le basi. Ad esempio se volete implementare il movimento di un proiettile all’interno del vostro gioco, è bene sapere come viene calcolata la traiettoria per poter ottenere l’effetto desiderato e per renderlo realistico.

 

Inoltre, a livello tecnico, per sviluppare videogiochi indipendenti dovrete conoscere anche un po’ di grafica. Le cose più complesse si possono acquistare in outsourcing su vari siti, ma qualche nozione sull’elaborazione di immagini, grafica 2D e magari 3D, e sulla creazione ottimizzata di materiali per i dispositivi mobile vi sarebbe di grandissima utilità. Ci sono molti strumenti messi a disposizione dai vari engine per analizzare le performance e le ottimizzazioni a livello grafico, oppure si possono utilizzare strumenti esterni dedicati a questi task, come ad esempio il Graphics Performance Analyzer messo a disposizione da Intel.

 

design

 

Infine, dal momento che dopo aver creato il vostro videogioco vorrete commercializzarlo e cercare di venderlo, competenze di comunicazione quali l’uso dei social media, una propensione alle pubbliche relazioni, la capacità di creare un sito web e contenuti promozionali saranno molto utili per rendere il vostro gioco, oltre che bello e divertente da giocare, anche un possibile successo commerciale!

 

Come iniziare a costruire le vostre abilità da sviluppatori di videogiochi

L’errore più comune di chi inizia a sviluppare videogame senza esperienza è quello di voler realizzare giochi troppo grandi e complessi fin da subito: se avete in mente di creare il prossimo World Of Warcraft come prima esperienza, allora dovreste essere proprio dei geni.

I vostri primi giochi non serviranno a portarvi al successo commerciale, soprattutto se non avete esperienza. Serviranno però a farvi acquisire le competenze necessarie per sviluppare giochi sempre più complessi.

 

Per il vostro primo progetto datevi un tempistica iniziale di non più di due settimane: credetemi, alla fine quelle due settimane si trasformeranno in almeno un mese di sviluppo.

 

Risorse per iniziare a fare videogiochi

Se volete iniziare a fare videogiochi ormai lo avrete capito, dovete studiare. Tanto. E per farlo è necessario trovare risorse adeguate.

develop

Qui, per esempio, troverete una collezione interessante dei migliori libri per sviluppatori di videogiochi.

 

Oltre ai libri, un’altra risorsa fondamentale per ogni sviluppatore, in particolare per lo sviluppo di videogiochi, è il supporto della community. Ricordatevi quindi di dare un’occhiata alle seguenti risorse:

  1. Risorse e forum dei vari game engine (Unity, Unreal, etc etc)
  2. Reddit, un’ottima fonte di domande e risposte per gli sviluppatori di videogiochi
  3. Corsi a pagamento o gratuiti: siti come Coursera o Udemy hanno una buona quantità di corsi introduttivi per lo sviluppo di videogiochi.
  4. Risorse messe a disposizione dai produttori di hardware e software, in particolare l’Intel Developer Zone offre un’ottima sezione con vari strumenti dedicati allo sviluppo dei videogiochi
  5. Blog e forum di consigli e suggerimenti nei vari ambiti sopra elencati, come GameDeveloperTips, dedicato a chi vuole entrare nel mondo dello sviluppo indipendente, oppure Gamasutra, con numerosi articolo dedicati al mondo dello sviluppo dei videogiochi.

 

Partecipate ad eventi

Il mondo è pieno di eventi dedicati ai videogiochi, ed un ottimo modo per fare networking e promuovere i vostri prodotti è quello di partecipare ai numerosi eventi dedicati agli sviluppatori indipendenti. Inoltre queste sono ottime occasioni per poter portare a casa utili contatti lavorativi, come giornalisti o team di sviluppo affermati, che potrebbero rivelarsi molto importanti nel trasformare questo sogno in un remunerativo lavoro.

 

people-woman-coffee-meeting

 

Non commettete i classici errori e non arrendetevi mai

Cercate di rimanere sempre concentrati sul vostro obiettivo e non perdete mai la speranza. La vita dello sviluppatore indipendente è tutto meno che semplice, anche per chi alla fine ha raggiunto il successo. Per esempio Rovio, prima di avere il meritato successo con Angry Birds, aveva già pubblicato ben 51 giochi senza mai ottenere particolare successo. Quindi cosa aspettate? Ne avete di giochi da pubblicare prima di raggiungerli!

 

 

di Marco Mignano – GameDeveloperTips.com

Condividi questo articolo

Argomenti correlati

Gaming Istruzione Maker

Leggi il successivo