All’avanguardia dell’innovazione

Potete far volare questo drone intelligente a occhi chiusi

La nuova generazione di droni sarà più intelligente di un tipico quadricottero o esacottero. In alcuni casi, non dovrete neppure farli volare manualmente. Vi seguiranno in modo intelligente, visualizzando il mondo con videocamere 3D dotate di rilevamento della profondità che consentono loro di mappare le aree circostanti e di navigarle in modo autonomo.

E così non ci saranno più incidenti di droni. Una libertà mai vista prima. Anzi, potreste far volare uno Yuneec Typhoon H dotato di tecnologia RealSense a occhi chiusi.

Il segreto è nella tecnologia anticollisione. Presumibilmente si tratta della prossima funzionalità indispensabile per i droni e abbiamo già visto cosa è in grado di fare nello Yuneec Typhoon H. Al CES di quest’anno, ad esempio, il CEO di Intel Brian Krzanich ha dato una dimostrazione di come un esacottero intelligente può seguire un ciclista in una foresta artificiale, schivando alberi artificiali. Senza nessun intervento umano.

È questa la grande attrattiva del Typhoon H: sa volare da solo, letteralmente. Con le collisioni sfiorate dai droni che finiscono in prima pagina, offrire ai droni la possibilità di volare in modo autonomo potrebbe renderli a prova di incidente.

Perciò oltre alle sue opzioni di geofencing, ritorno alla base dinamico e ritorno alla base con batterie in esaurimento, lo Yuneec Typhoon H è dotato di una modalità orbita (grazie alla quale il drone si sposta automaticamente intorno al suo controller, mantenendolo al centro) e di una modalità viaggio (che vi consente di programmare e personalizzare un itinerario da far seguire al Typhoon H).

Vedere con occhi RealSense

Il drone di Yuneec è inoltre progettato per essere modulare e la sua consapevolezza predefinita della situazione (rilevamento ultrasonico della prossimità) può essere intensificata con l’aggiunta di un modulo videocamera Intel RealSense.

RealSense si avvale di una combinazione di una videocamera a infrarossi, un proiettore laser a infrarossi e una normale videocamera a colori RGB per rilevare la profondità. Funzionando in sinergia con un processore Intel Atom, il modulo RealSense analizza i dati della videocamera per permettere al drone Typhoon H di mappare con precisione l’ambiente circostante in 3D. Può quindi effettuare correzioni di rotta (in tempo reale) per evitare gli ostacoli. Come questi cactus…

Secondo Yuneec, il Typhoon H è l’ideale per “piloti sia esperti che alle prime armi e per i fotografi”. Basato su sei eliche, può volare per un massimo di 22 minuti, filmando (o scattando foto da 12 megapixel) con la sua videocamera CGO3+ 4K in grado di ruotare a 360°.

Senza il volo assistito da RealSense, i piloti controllano il drone con un telecomando ST16 Personal Ground Station, che incorpora un touchscreen integrato Android da 7 pollici.

Droni più intelligenti e più sicuri

Lo Yuneec Typhoon H combina tutte queste ultime tecnologie per droni in un unico package in fibra di carbonio, talmente piccolo da poter essere piegato e riposto via nell’apposito zaino.

È facile capire come i droni del futuro, pienamente aggiornati con funzionalità evolute anticollisione e “follow me”, diventeranno più intelligenti, più sicuri e più divertenti da far volare. Le collisioni sfiorate e gli incidenti dovrebbero diventare acqua passata. Senza contare che con l’aggiunta della tecnologia LTE (e norme meno severe da parte dell’autorità aeronautica), saranno anche in grado di volare oltre la visuale per effettuare consegne o per svolgere mansioni di sorveglianza autonome.

Lo Yuneec Typhoon H sarà disponibile ad aprile al prezzo di circa 1.779,98 euro, seguito dal modulo RealSense, il cui prezzo sarà reso noto più avanti.

 

Dean Evans (@evansdp)

Condividi questo articolo

Argomenti correlati

Innovazione tecnologica

Leggi il successivo