All’avanguardia dell’innovazione

Asciugare il bucato con gli ultrasuoni: un’idea brillante per risparmiare tempo e denaro

Le asciugatrici convenzionali possono impiegare fino a tre ore per completare un ciclo di asciugatura. Molte persone considerano accettabile questo tempo di attesa, ma non Ayyoub Momen, che sta tentando di ridurre i tempi di asciugatura al minimo indispensabile, da qualche ora e a pochi minuti, forse anche pochi secondi.

“In meno di 14 secondi ho potuto asciugare un campione di tessuto completamente bagnato. Se avessi voluto fare la stessa cosa con il calore, avrei impiegato un tempo variabile tra 20 e 40 minuti”, afferma lo scienziato iraniano. In base a queste statistiche, un carico completo di lavanderia potrebbe essere asciugato in appena 15-20 minuti.

Le micro-vibrazioni sono in grado di rimuovere rapidamente l’acqua dalle fibre tessili

Lo scienziato dell’Oak Ridge National Laboratory in Tennessee ha iniziato la sua ricerca di una soluzione di asciugatura super rapida indagando la tecnologia utilizzata negli umidificatori. A prima vista questo approccio può sembrare controintuitivo: dopotutto, gli umidificatori sono progettati per ottenere il risultato opposto. Momen mira a rimuovere l’umidità dai materiali, mentre gli umidificatori sono utilizzati per aumentare il livello di umidità in una stanza.

Il segreto della nuova tecnologia consiste nelle vibrazioni ad alta frequenza utilizzate in alcuni sistemi di umidificazione per convertire l'acqua in minuscole goccioline. Momen ha sfruttato questo principio per utilizzare le stesse micro-vibrazioni al fine di rimuovere l'acqua dalle fibre tessili: anzitutto ha estratto l'umidità sotto forma di vapore e poi l'ha raccolta tramite un sistema di aspirazione.

Oltre al risparmio di tempo, questo processo comporta molti altri "effetti collaterali" positivi. Ad esempio, gli abiti non vengono sottoposti al trattamento un po' rude che riserva loro un'asciugatrice tradizionale, e non serve aspettare che raggiungano la temperatura ambiente per indossarli. Il nuovo sistema produce meno calore e archivia definitivamente il problema di pelucchi e lanugine.

persone

La nuova tecnologia di asciugatura riduce il consumo di energia di circa il cinque/dieci per cento ad ogni ciclo. Secondo i calcoli di Momen, queste percentuali rappresentano il notevole risparmio di 117 miliardi di chilowattora all'anno negli Stati Uniti.

Attualmente le asciugatrici hanno la fama di essere i maggiori e più insaziabili divoratori di energia della casa. Consumano la stessa quantità di elettricità di un frigorifero, una lavatrice e una lavastoviglie ad alta efficienza energetica messi insieme. Secondo la US Environmental Protection Agency, negli Stati Uniti, tutti questi dispositivi consumano insieme una quantità di energia pari a quella dell'intero stato del Massachusetts.

grafico

Questa tecnologia è stata accolta come un passo avanti rivoluzionario

La divisione elettrodomestici di General Electric ha già adocchiato la tecnologia sviluppata da Momen. Venkat Venkatakrishnan, Head of Research di questa azienda, ha definito questa tecnologia “un passo avanti rivoluzionario". Tuttavia, la soluzione è ancora allo stadio embrionale: il prototipo attuale può asciugare solo una piccola superficie di tessuto circolare (guardate il breve video qui sotto per una dimostrazione).

Tuttavia, entro la metà del 2016 Momen spera di riuscire a sviluppare un modello in grado di gestire un bucato intero. Il lancio sul mercato della prima asciugatrice a ultrasuoni è atteso tra quattro anni.

Sebbene non sia stato ancora deciso un prezzo finale al dettaglio per questo prodotto innovativo, sarà certamente più costoso in fase di lancio rispetto ai modelli con tecnologia convenzionale. Detto questo, chi investe in un prodotto così potrà assistere a una progressiva riduzione delle bollette dell'elettricità, compensando in parte l'investimento aggiuntivo.

E a parte le considerazioni sul costo, il vantaggio principale di questa tecnologia è fuori discussione: gli acquirenti della nuova asciugatrice avranno sicuramente a disposizione più tempo per sé.

Immagine di apertura: Knoxville News Sentinel
Immagine 1: ORNL — Ayyoub Momen
Immagine 2: Ufficio per l'efficienza energetica e le energie rinnovabili

Condividi questo articolo

Argomenti correlati

Innovazione tecnologica

Leggi il successivo